Cosa accade con il singhiozzo?

0
42184

Ecco cosa accade con il singhiozzo e qual è il meccanismo.

Il singhiozzo è una contrazione ritmica e involontaria del diaframma.  Il diaframma è un muscolo che separa il torace dall’addome e svolge una funzione fondamentale per la respirazione.

Quando inspiriamo, il diaframma si abbassa e, con l’intervento di altri muscoli respiratori tra cui gli intercostali, determina l’espansione della gabbia toracica. Durante l’espirazione, invece, i muscoli si rilassano e il diaframma e la gabbia toracica tornano nella posizione di partenza.

Il singhiozzo compare improvvisamente perché regolato da aree cerebrali che non possiamo controllare con la nostra volontà. Il suo tipico suono “hic” è dovuto alla chiusura rapida e brusca delle corde vocali a ogni contrazione del diaframma.

Perché si presenta?

Il singhiozzo è un fenomeno solitamente transitorio e banale, che non deve preoccupare. Raramente  è legato a patologie che possono essere gastrointestinali (gastrite o reflusso), cardiovascolari (pericardite), alterazioni dei centri nervosi oppure problemi agli organi toracici o respiratori.

In genere si manifesta in determinate situazioni come:

  • dilatazione dello stomaco dovuta a ingestione rapida, o in quantità eccessiva, di cibi e bevande gassate;
  • variazioni improvvise di temperatura, ciò può essere conseguenza anche dell’assunzione di cibi troppo freddi o troppo caldi;
  • momenti di elevata emotività in cui tendiamo a introdurre più aria del dovuto (ad esempio, quando abbiamo paura);
  • dopo una risata fragorosa.

Come farlo finire?

Il singhiozzo tende a risolversi spontaneamente. Tuttavia, se ciò non dovesse accadere, non allarmiamoci e proviamo a fare queste piccole manovre:

  • inspiriamo profondamente, tratteniamo l’aria per circa 20-25 secondi e poi buttiamola fuori;
  • beviamo un bicchiere d’acqua;
  • ingeriamo qualche goccia di limone;
  • cerchiamo di starnutire.

Se questi rimedi non funzionassero, possiamo preparare un infuso di piante ad azione spasmolitica come la camomilla, la passiflora, la valeriana e la lavanda.

Come si può prevenire?

Gli attacchi di singhiozzo si possono prevenire con questi accorgimenti:

  • mangiare e bere lentamente, senza affanno;
  • masticare il cibo in maniera adeguata, evitando le abbuffate;
  • limitare l’uso di alcolici;
  • prestare attenzione alle temperature dei cibi, evitando quelli troppo freddi o troppo caldi.

Redazione Men’s Life

Tempo di lettura: 1’20”

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.