Adozione aperta

0
21711

di Andrea Maggio

Il caso di Bibbiano, come altri in passato, ci fanno riflettere sulla importanza e la delicatezza dei temi inerenti l’affido e l’adozione di minori.

Si tratta di strumenti pensati, in primis, per assicurare il benessere dei ragazzi e poi per dare l’opportunità ad adulti di vivere la genitorialità nelle sue diverse forme.

Le storture del sistema, gli errori delle tante persone coinvolte in esso, se non veri e propri comportamenti fraudolenti, periodicamente fanno sorgere dubbi sull’efficacia e l’opportunità di tali strumenti.

Recentemente, tuttavia, si sta parlando di nuove forme di tutela dei minori che possano integrare le caratteristiche dell’affido e dell’adozione: si tratta dell’adozione aperta.

Adozione aperta: Una nuova forma di protezione dell’infanzia

L’adozione aperta, non ancora permessa in Italia,

Essa riguarda la possibilità, per il minore adottato, di mantenere, con diverse modalità, i contatti o di frequentare la famiglia di origine con l’accordo e la cooperazione della famiglia adottante.

In questo modo si possono superare i limiti temporali dell’affido che per definizione è temporaneo, e dell’adozione che invece esclude il coinvolgimento della famiglia d’origine.

Sempre di più, infatti, si considerano i legami con la famiglia di origine importanti per il benessere dei giovani che possono comunque vivere in un’altra famiglia.

Adozione aperta: Interrompere solo in parte i legami

Questo nuovo istituto di protezione dell’infanzia assume che la famiglia di origine, pur carente sotto vari punti di vista, abbia nella vita del minore un ruolo comunque positivo. Non sarebbe, quindi, nell’interesse di quest’ultimo eliminare completamente i rapporti con la famiglia d’origine.

Si tratta evidentemente di casi specifici, risultato di una valutazione approfondita di ciò che sia meglio per quel determinato bambino nel suo particolare caso.

Si pensi ad esempio al caso di un genitore portatore di una patologia psichica che pregiudichi le competenze genitoriali, ma che sia però affettivamente presente.

Adozione aperta: Crescere insieme

Nelle opportune situazioni e con le migliori intenzioni, l’adozione aperta potrebbe essere un nuovo strumento per favorire una genitorialità profonda, coinvolgente e piena di significato.

Dall’altra parte permetterebbe di dare l’opportunità ad un minore di vivere un contesto che possa facilitare una crescita sana senza perdere legami affettivi comunque importanti.

Andrea Maggio

Tempo di lettura: 1’00”

Foto tratta da: http://www.genitorisidiventa.org/notiziario/ladozione-aperta-una-nuova-frontiera-nel-mondo-adottivo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.