Generazione Z: cosa caratterizza i nostri figli under 26?

0
12245

Generazione Z

di Andrea Maggio

L’Istituto Eumetra MR ha recentemente realizzato una ricerca per indagare il mondo della Generazione Z che comprende i ragazzi nati dal 1995 ad oggi.

Come le altre generazioni presenta caratteristiche specifiche che come genitori è utile conoscere per gestire la meglio la relazione con loro.

Generazione Z: Inclusivi

Prima di tutto i ragazzi della Generazione Z si presentano inclusivi.

Il tema delle barriere più o meno ampie, per loro non ha senso, si tratta di un argomento già superato essendo di fatto inclusivi di natura.

Il 10% di questa generazione, infatti, non ha origini italiane e le loro aule scolastiche sono multirazziali.

La disabilità e un diverso orientamento sessuale sono ormai la norma e non destano più curiosità o motivo di esclusione.

Generazione Z: I riferimenti e la famiglia

Gli appartenenti alla Generazione Z si mostrano istruiti, non si affidano alle ideologie o alla religione e mostrano poca fiducia nelle istituzioni e negli adulti in generale che accusano di aver lasciato loro un mondo inquinato e un futuro minaccioso.

Gli amici sono il centro delle loro relazioni che vivono e pubblicizzano sui social network.

Anche le relazioni con noi genitori sono buone, sanno molto di noi, sconfitte e fallimenti compresi come una separazione o la perdita del lavoro.

Stare a casa è generalmente piacevole e questa comodità ne ritarda l’uscita: ci sarà ma a tempo debito.

Generazione Z: Dalla trasgressione alla delusione

Come appena anticipato, rispetto alle generazioni precedenti che si presentavano trasgressive per contrastare l’autorità degli adulti, i ragazzi di oggi mostrano più che altro delusione.

Un motivo forse per sentirsi stimolati a cambiare in qualche modo il mondo in cui vivranno.

Magari anche attraverso il miglioramento di sé e della natura o tramite la solidarietà.

Generazione Z: Ricercare il dialogo

Noi genitori quindi possiamo tenere conto di queste loro caratteristiche per costruire e rinforzare quel dialogo che spesso è fonte di difficoltà e frustrazioni.

Ecco allora le opportunità di incontro e di scambio che ci possono fornire le notizie del giorno sui temi dell’integrazione sociale, della diversità e dell’accoglienza.

Così come la possibilità di avere uno stile di vita più eco-sostenibile e che possa fare la differenza anche in piccoli gesti.

Per arrivare poi a gettare una luce di speranza sull’essere umano e sul futuro così da prepararli ad affrontare al meglio crisi ed emergenze che saranno all’ordine del giorno come il fenomeno Covid-19 ci ha mostrato.

Andrea Maggio

Tempo di lettura: 1’10”

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.