Essere felici realizzando il proprio significato di vita

0
47657

di Andrea Maggio

Essere felici: Il tema della felicità è uno degli argomenti più esplorati e raccontati di sempre.

Dalla filosofia alle religioni, dalle arti ai libri di self-help, arrivano spunti di riflessione, indicazioni, suggerimenti per ricercare e trovare la tanto agognata felicità a cui ognuno di noi aspira.

Un punto di vista che trovo molto attuale e utile è quello che lega la felicità al concetto di significato di vita.

Quante volte ci si veglia la mattina con quella sensazione di vuoto e apatia che ci rende difficile avviare la giornata?

Oppure ne condiziona completamente il vissuto poiché frustrati, nervosi, in balìa degli eventi?

Molto spesso questo sentire è legato al fatto di vivere una vita senza senso, dettata dalla routine, in cui non ci sentiamo protagonisti ma meri esecutori.

Essere Felici: La ricerca del significato

Vivere una vita piena di significato, decidendo cosa voglia dire dare significato alla vita, è una questione su cui l’uomo si interroga da secoli.

Lo stesso imperatore Adriano si poneva tale quesito circa 2000 anni fa.

Oggi, le scienze sociali e psicologiche hanno dimostrato che vivere una vita con significato consente di raggiungere uno stato di benessere psicofisico.

Benessere che è alla base della longevità oltre che alla qualità della vita.

Come visto nell’articolo “Ikigai, ingrediente giapponese per la felicità” le popolazioni che vivono secondo questa filosofia mostrano livelli di longevità e qualità di vita elevati.

La ricerca di significato può essere quindi un altro modo per trovare il proprio ikigai inteso come ragione di vita in cui confluiscono armonia, pace, senso di connessione, presenza, quindi appagamento o se vogliamo felicità.

Quando parliamo di significato di vita possiamo fare riferimento allo scopo della nostra esistenza e alla coerenza con questo degli obiettivi che ci prefiggiamo.

Quando ci è chiaro cosa rende la nostra vita piena di significato allora ci è più facile stabilire obiettivi che possano aiutarci a costruire la vita che desideriamo.

Questo sia sul fronte personale sia su quello lavorativo.

Ecco allora che nel momento in cui siamo consapevoli di cosa occorre per dare senso alla nostra vita, operiamo quelle scelte che ci servono per costruire le relazioni che vogliamo, per cercare il lavoro che ci appassiona, per essere il genitore che auspichiamo o il compagno di vita con cui spendere il proprio tempo.

Come allora realizzare il proprio significato di vita?

Essere Felici: Ecco come realizzare il proprio significato di vita

Come visto, la ricerca della felicità può assumere diverse forme e percorrere diverse strade.

Attraverso alcuni recenti studi psicologici (Vallerand, Heintzelman & King, Lambert, ecc.) sono state individuate delle modalità che facilitano la realizzazione del proprio significato di vita:

  • Favorire le passioni:

Ricercare e vivere le proprie passioni consente di essere in continuo contatto con se stessi e con quelle attività che ci fanno sentire vivi scambiando pensieri, sensazioni e pratiche con chi condivide la stessa passione;

  • Sviluppare e favorire le relazioni sociali:

Costruire relazioni, creare legami con altri individui e mantenerli nel tempo;

  • Costruire le relazioni che aumentino il senso di appartenenza:

Non tutte le relazioni sono uguali, è bene infatti creare quei legami che ci facciano sentire parte di qualcuno o di qualcosa, che ci permettano di dare il nostro contributo alla comunità di appartenenza;

  • Monitorare il proprio stato d’animo:

E’ stato dimostrato che stati d’animo positivi facilitano la realizzazione del proprio significato di vita, mentre stati depressivi o ansiogeni la compromettono.

Ecco allora l’importanza di mettere in atto quelle strategie e tattiche che possano promuovere stati d’animo positivi come: spendere del tempo per i propri hobby, dormire e mangiare bene, fare esercizio regolarmente, praticare la meditazione o attività similari, ecc.

  • Prendere il controllo del proprio contesto di riferimento:

Avviare delle routine o dei comportamenti ricorrenti, assumersi la responsabilità delle proprie scelte.

Essere meno fatalisti e più convinti del proprio contributo nelle cose della vita ci consente di assumere la posizione del capitano della nave piuttosto che quella del passeggero.

  • Lasciarsi ispirare

Da chi in passato o nei giorni nostri si batte per la giustizia, per il bene, per il miglioramento dei popoli e delle nazioni.

Con queste pratiche è possibile vivere una vita che sia ricca di quel significato che vogliamo darle per far sì che il nostro passaggio sulla terra non sia valso a nulla ma che abbia contribuito, nel suo piccolo, a rendere il mondo un posto migliore.

Andrea Maggio

Tempo di lettura: 1’40”

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.