Temptation Island: L’isola terapeutica senza tentazioni

40551

di Claudio Razeto

Ero in crisi con mia moglie.

Ma volevo risparmiare i soldi del sessuologo e della terapia di coppia. E magari, perché no, guadagnarci qualcosa.

Facendoci pure una vacanza.

Ma la soluzione c’è. È lì a portata di telecomando.

TEMPTATION ISLAND.
Forse in un futuro non troppo lontano, qualcuno dei partecipanti confesserà i veri motivi per cui si è prestato a questa pantomima tele-sentimentale.
Il reality della coppia che scoppia. Delle corna in diretta.
Dei guardoni e guardone del piccolo schermo, pronti a carpire un bacio rubato.
Uno sfioramento. O anche solo un rossore sulle gote, rivelatore di chissà quali tormentati segreti.

Un concentrato di

  • il Gioco delle coppie, ve lo ricordate con Predolin
  • il Grande onnipresente Fratello
  • Beautiful e i suoi dialoghi 

Per dare uno show in grado di riempire il grande buco dei palinsesti estivi.
Inutile negare. Un’occhiata a Temptation island l’hanno data tutti.

Anche solo per poter dire: “Ma che è sta’ roba?!”.

Altrimenti non si spiegherebbero gli ascolti. Ben 4 milioni di persone, il 28 per cento di share per l’ultima puntata. La più vista.

Continua a piacere ai giovani ma avvicina anche un pubblico più maturo.

Tutti lì per sapere come andava a finire tra le coppie più o meno scoppiate.

Edizione 2020. Doveva essere il programma delle tentazioni.

E delle corna all’ombra del falò. Le confessioni carpite. I video arditi e d’effetto mostrati da Filippo Bisciglia, ex GF.

Doveva essere un’edizione choc. 

Ma è sembrata più un’edizione di psicoterapia di coppia.

In cui i partner hanno guardato i “casi” loro.
I tentatori e le tentatrici, pura scenografia. Poveretti.

Usati, sfruttati, strumentalizzati.

  • Per avere un figlio
  • Sposarsi, finalmente 
  • Per rinforzare il rapporto
  • Decidere se andare avanti o no

Io, per coerenza ci avrei messo pure un lettino. Ma non da spiaggia.

Quello dello psicanalista. Magari con Sergio Castellitto all’opera come in “In Treatment“.

Psicanalizzando anche le pupe e i pupi, che in alcuni casi ne sono usciti fortemente traumatizzati.

Se deve essere fiction che fiction sia, ma di qualità…santa Pace.

Tentazioni e tentatori…

Doveva essere il programma del prurito in diretta. In cui l’italiano e l’italiana medi, davanti a procaci signorine e palestrati giovanotti, sognavano per interposta persona, un goduto tradimento.
E dopo vent’anni se lo saranno pure meritato. O no?
Sia pure virtuale.
Macchè, niente, nisba, nada de nada, niet, nein.

Il massimo è stato un abbraccio dietro a un asciugamano.

Quello di Valeria di Ciavy e un bel ragazzo tatuato.

E che siamo all’asilo ? E pure in seconda serata !!

Niente sesso, nessuna Temptation degna di questo nome.

A parte quella un po’ farlocca di Pietro, il compagno della Elia, con la storia l’angolo buio in cui consumare, non ci sono state vere e autentiche tentazioni.

L’unica professionista dell’edizione, la bionda Antonellina, è troppo smaliziata ed esperta per non sapere che, sul rapporto teoricamente interrotto, con il tenebroso fidanzato, i giornaletti di gossip nostrani andranno avanti tutta l’estate.

E allora vai con la rottura, che tale non è.

Con gli insulti al “maiale” che però ama tantissimo.

I tira e molla sentimentali, vedi Albano e Romina, sono da sempre la passione degli italiani.

Fanno vendere copie, click sul web, audience.

Per non parlare dei social, che vanno in tilt per questo genere di programmi.

Insomma tutti prima di entrare a Temptation Island, avevano un piano premeditato, che il programma avrebbe potuto realizzare. Altro che tentazioni…

Personalmente la tentazione più grossa che ho avuto, spesso, è stata quella di cambiare canale. Ma per vedere cosa?

La RAI che d’estate incassa il canone, per farci vedere Techetechetè?

Qualche film ritrito? Persino Netfkix ha perso qualche colpo.

Da anni, Temptation island è la certezza dell’estate Mediaset.

https://www.ansa.it/sito/notizie/cultura/tv/2020/07/03/torna-temptation-island-certezza-dellestate-mediaset_d0086f80-ff57-42e0-860c-3ad6720c82ec.html

Con le notizie che arrivano, un pò di evasione ci vuole.

E allora anche Temptation Island, per combattere il gran caldo e la noia.
Resta da vedere come andrà a finire sul serio.

Nella vita vera, o presunta tale.

Visto che credo che se ti dedichi a una cosa devi farlo bene, mi sono studiato le coppie, per capire se avranno o no un futuro.

Anche se questo chi può dirlo? Specie se c’è di mezzo la televisione.

Vedremo se Andrea e Anna, ribattezzata “la burattinaia”, andranno avanti.

Vista la reazione del giovane fidanzato, non ci scommetterei.

Però il fine era buono e in amore e in guerra si sa tutto è permesso. Otterrà fiori d’arancio, figlio e la regolarizzazione del rapporto tanto agognata? Chi vivrà, vedrà. Auguri!

Il “tronista”, usato, tale Carlo Siano, se ne farà una ragione. Tutta pubblicità anche per lui. Oltre a nuove presenze ad Amici, che di questi tempi fanno comodo.

Per Antonella Elia e Pietro Delle Piane (alias Le Piane), prevedo tante copertine su giornaletti e in autunno nuovi ingaggi tv, magari insieme.

Una coppia uscita apparentemente “in love”, Sofia (quella di Sofia chi?) e Alessandro, pare che nella vita reale non sia riuscita a ripartire.

Con lo zampino, qui sì, pare di una delle pupe tentatrici dell’isola. Potevano risparmiarci tanto struggere di sentimentali ardori e trovarlo lì il luogo appartato. Magari chiedendo a Pietro.

A casa, magari avrebbero fatto la “Ola”.
Andrea detto “Ciavy” (un nome una garanzia, in veneto) e Valeria sono scoppiati, pare definitivamente. Troppe scappatelle di lui, si dice.

Manila Nazzaro, ex miss Italia, e Lorenzo Amoruso, ex calciatore, l’unica coppia che ne è uscita bene. Rilanciando il rapporto. Per loro la formula all inclusive, vacanza, vitto e alloggio, terapia di coppia con rimborso, ha funzionato alla grande.

Con la soddisfazione del pubblico. E del lieto fine.

Idem per Annamaria e Antonio Martello che stanno pensando a un pargolo.
Insomma tutto è bene ciò che finisce bene.

Anche se ci si chiede cosa dovranno inventarsi gli autori per la prossima edizione.

Andare a canestro sarà sempre più difficile.

Con il Covid19 e il virus .

Senza vaccino, bisogna vedere quale sarà il destino di questi programmi.

Compreso il ben più “hardito” , “La pupa e il Secchione“.

Con le regole di distanziamento sociale, la vedo dura.

Inoltre, se continua a non succedere nulla, con tutta quella grazia inutilizzata, a disposizione, c’è il rischio dell’abbandono per noia.

Io, visto che l’angolino appartato di Pietro c’è già, lontano, relativamente dalle telecamere, lo userei, magari con dotazione di termoscanner.

Così se non si riuscirà a registrare qualcosa di pruriginoso, sapremo, se non altro, che a Temptation island stanno tutti bene.

Claudio Razeto

Tempo di lettura: 2’30”

Foto tratta da: https://www.lettoquotidiano.it/temptation-island-coppie-scoppiate/20580/

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.