Con il DDL ZAN potremo ancora esprimere le nostre opinioni?

99976
Scarica il podcast dell'articolo

di Marco Silvaggi

Una persona mediamente informata ed istruita mi ha posto la seguente domanda:

“Se passa il DDL Zan, è vero che non potrò più dire che sono contrario alle adozioni di figli da parte di due uomini?”

Questa strategia, di demonizzare il cambiamento travestendolo da pericolo e tragedia è vecchia come il mondo ma purtroppo sempre efficace.

Mi viene in mente la campagna di disinformazione che fecero a Napoli nel 1799 contro la neonata Repubblica Napoletana.

La campagna si riprometteva di istruire le masse e proprio da queste fu condannata.

Vediamo allora due punti fondamentali del DDL:

L’articolo 2 della legge modifica un articolo del codice penale sui reati di Propaganda e istigazione a delinquere per motivi di discriminazione razziale, etnica e religiosa.

Questo recita l’articolo:

“È vietata ogni organizzazione, associazione, movimento o gruppo avente tra i propri scopi l’incitamento alla discriminazione o alla violenza per motivi razziali, etnici, nazionali o religiosi”.

l ddl aggiunge:

 “oppure fondati sul sesso, sul genere, sull’orientamento sessuale, sull’identità di genere o sulla disabilità”.

L’articolo 3 fa una modifica identica del Codice Penale, integrando l’aggravante di discriminazione con i motivi fondati sul sesso, sul genere, sull’orientamento sessuale o sull’identità di genere o sulla disabilità.

Perché un’aggravante se è già reato?

Perché se aggredisci o discrimini un estraneo sulla base di una sua caratteristica (sessuale o non) stai promuovendo la discriminazione anche di tutti quelli che nel mondo hanno quella caratteristica… quindi è un gesto più grave.

La libertà di espressione è salva!

All’articolo 4 Il ddl precisa:

Sono fatte salve la libera espressione di convincimenti od opinioni nonché le condotte legittime riconducibili al pluralismo delle idee o alla libertà delle scelte, purché non idonee determinare il concreto pericolo del compimento di atti discriminatori o violenti“.

Marco Silvaggi

Tempo di lettura : 1’10”

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.