Cosa sono le ICO?

0
19889

Le ICO (Initial Coin Offering) sono delle aste online in cui un’azienda start up mette in vendita dei token, cioè delle criptovalute create ad hoc utilizzando la blockchain di una valuta base.

Gli investitori, convinti dal progetto, acquistano i token durante l’asta versando il controvalore sotto forma di altra valuta nella blockchain della start up.

Quali sono gli obiettivi?

L’obiettivo, per coloro che hanno creato il progetto, è quello di ottenere dei finanziamenti, mentre per gli investitori, è quello di realizzare dei profitti sul valore dei token acquistati che con la realizzazione del progetto dovrebbero aumentare di valore.

Si tratta di un investimento che può portare guadagni maggiori di un’operazione di trading immobiliare o di borsa, ma allo stesso tempo è anche molto rischioso, in quanto la maggior parte delle ICO riguardano dei progetti molto innovativi e rivoluzionari.

Per ora sono maggiori i progetti destinati a fallire piuttosto di quelli che potrebbero portare al successo.

Ecco alcuni piccoli suggerimenti:

Preferire sempre le ICO con le seguenti caratteristiche:

  • Medio piccole

In modo che sia possibile prendere informazioni e valutare i soggetti che hanno ideato e realizzato il progetto: le ICO che hanno l’obiettivo di raccogliere un’ingente somma di denaro nella maggioranza dei casi hanno dietro dei grossi investitori il cui unico fine è quello di speculare sul valore dei token.

  • Promosse da Aziende esperte

I promotori devono essere aziende formate da persone che hanno realizzato già altri progetti di successo, che abbiano dunque una reputazione da difendere.

  • Appartenenti ad un progetto già definito

In tutte le sue tappe e con precise scadenze temporali , che sia innovativo con un valore elevato ed immediato per gli utenti; se la versione finale del progetto è realizzata in breve tempo aumentano le probabilità di successo.

  • I Token non venduti devono essere distrutti

Selezionare quelle in cui la start up ideatrice del progetto decide di distruggere i token non venduti durante l’offerta. Evitare i progetti in cui la start up ha rilasciato token a gruppi di investitori che potrebbero finanziare successivamente alcune fasi del progetto. Spesso le ICO non escludono nessuna delle soprdette ipotesi.

  • La blockchain deve essere un aspetto necessario del progetto.

  • Contatto diretto con i fondatori

Infine preferire quelle in cui è possibile un contatto diretto con i fondatori o almeno assicurarsi che i fondatori facciano dipendere il loro successo dal successo del token.

Massimo Mamprin

Tempo di lettura: 1’15”

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.