La perseveranza: La potenzialità dell’uomo saggio

0
20194

di Andrea Maggio

Come abbiamo cominciato a vedere nell’articolo sull’autocontrollo, le nostre caratteristiche personali sono determinate anche dalle nostre potenzialità umane.

Conoscerle e valorizzarle ci permette di agire più efficacemente nella nostra realtà quotidiana.

Tra le potenzialità che possiamo considerare determinanti nell’indirizzare la nostra vita abbiamo la perseveranza.

Essa è la capacità che permette la continuazione volontaria, consapevole e prolungata di un’azione progettuale rivolta ad uno scopo preciso nonostante ostacoli e difficoltà che si incontrano nel realizzarla.

Perseveranza: Superare le difficoltà

La perseveranza è quella forza che non ci fa mollare l’attività che stiamo portando avanti, che non ci blocca quando le cose non vanno come vorremmo o quando sperimentiamo un fallimento.

Purtroppo molti progetti non si concretizzano, molte relazioni non fioriscono, tante curiosità non si trasformano in interessi proprio perché viene meno la perseveranza.

Spesso la differenza tra chi ce l’ha fatta e chi no, come abbiamo visto anche nell’articolo sulla grinta, risiede nella capacità di andare oltre gli ostacoli, quindi di perseverare.

Perseveranza: Essere pazienti e fiduciosi

Chi persevera crede fino in fondo che alla fine ce la farà.

Viceversa chi si lascia andare di fronte alle difficoltà teme che la meta non sia più raggiungibile o che l’energia da impegnare sia eccessiva per il risultato atteso. Difficilmente chi è impaziente riesce a perseverare perché la perseveranza richiede il saper aspettare e la rinuncia ad una gratificazione immediata.

Questo in favore, ovviamente, di un maggior beneficio futuro.

Allenare la perseveranza

Visti, allora, gli elementi a favore della perseveranza cosa fare per svilupparla?

Come per tutte le potenzialità occorre passare per l’allenamento.

Si può cominciare con piccole sfide che ci consentano di fissare degli obiettivi personali di lungo periodo e che proveremo a raggiungere (es. leggere x libri all’anno).

Oppure in caso di fallimento soffermarsi a capire cosa è successo e soprattutto ripartire subito anche  rimodulando gli obiettivi, ma mai mollando definitivamente.

Inoltre, evitare di agire d’impulso, senza perdere in spontaneità, può rappresentare un atteggiamento molto utile nel renderci più perseveranti.

Andrea Maggio

Tempo di lettura: 1’00

Foto tratta da: https://www.vibrazionipositive.com/articoli/news/obiettivi/251/fortuna-no-e-perseveranza-sforzo-e-sacrificio/

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.