Emergenza salute mentale dei giovani:  46mila suicidi l’anno nel mondo

29233

di Roberto Bitelli

La situazione dell’emergenza giovanile e dei suicidi tra i giovani è estremamente preoccupante.

La cifra di 46.000 suicidi all’anno nel mondo rappresenta una tragedia su vasta scala che richiede interventi urgenti e mirati.

I giovani possono essere particolarmente vulnerabili a una serie di fattori di rischio.

Tra questi ci sono i problemi di salute mentale, pressioni sociali, isolamento, bullismo e difficoltà nell’affrontare le sfide della vita moderna.

Affrontare il problema della salute mentale dei giovani, è fondamentale per combattere lo stigma e promuovere un dialogo aperto e accogliente su questo argomento. richiede un approccio complesso e multifattoriale che coinvolge:

  • il supporto sociale,
  • l’accesso a servizi di salute mentale,
  • la promozione del benessere emotivo,
  • la sensibilizzazione e l’educazione sulla salute mentale,
  • la riduzione degli stigmi associati ai disturbi psicologici e alla richiesta di aiuto.

Le autorità sanitarie, le istituzioni educative, le famiglie e la società nel suo complesso devono lavorare insieme per prevenire i suicidi tra i giovani e offrire loro il sostegno di cui hanno bisogno per superare le sfide che incontrano.

Questi dati sono estremamente allarmanti e mettono in luce la gravità della situazione riguardante la salute mentale tra gli adolescenti.

Emergenza salute mentale dei giovani: Come affrontarla

Depressione adolescentiLa presenza diffusa di problemi di salute mentale tra i giovani, combinata con il numero significativo di suicidi, sottolinea l’urgenza di affrontare questa emergenza in modo efficace e compassionevole.

 

L’accesso a cure e supporto per la salute mentale dovrebbe essere una priorità assoluta per i governi, le istituzioni sanitarie e la società nel suo insieme.

È fondamentale fornire risorse adeguate a prevenire il fenomeno.

La diagnosi precoce e il trattamento dei disturbi mentali tra gli adolescenti, nonché per la sensibilizzazione e l’educazione pubblica sui problemi di salute mentale.

Inoltre, è essenziale creare ambienti sicuri e solidali dove i giovani possano sentirsi liberi di parlare dei loro problemi e ricevere il sostegno di cui hanno bisogno senza paura di giudizi o stigma sociale.

Il coinvolgimento delle comunità, delle famiglie, delle scuole e delle organizzazioni giovanili è cruciale per promuovere la consapevolezza e creare una rete di supporto efficace per i giovani in difficoltà.

Affrontare il problema dei suicidi tra gli adolescenti richiede un impegno coordinato e persistente da parte di tutti i settori della società, al fine di proteggere la salute e il benessere dei giovani e garantire loro un futuro migliore.

Emergenza salute mentale dei giovani: Previsioni allarmanti

La previsione che i disturbi mentali supereranno le patologie cardiovascolari come la causa principale di malattia nel mondo entro il 2030 sottolinea l’importanza critica di affrontare la crisi della salute mentale su scala globale.

La depressione e altre patologie psichiche possono avere un impatto significativo sulla qualità della vita delle persone, oltre a generare costi considerevoli per i sistemi sanitari e l’economia nel suo complesso.

In Italia, come in molte altre parti del mondo, la salute mentale è diventata una priorità di salute pubblica.

L’investimento nelle risorse per la prevenzione, la diagnosi precoce e il trattamento dei disturbi mentali è essenziale per mitigare l’impatto sociale ed economico di questa sfida.

La spesa diretta e indiretta legata alla salute mentale, che rappresenta il 4% del Prodotto Interno Lordo, sottolinea l’entità del problema e la necessità di interventi mirati e sostenuti.

Inoltre, la diminuzione dell’aspettativa di vita di 10 anni associata ai disturbi mentali evidenzia l’urgente necessità di adottare politiche e programmi che promuovano la salute mentale e il benessere fin dalla prima infanzia e che garantiscano un accesso equo e universale ai servizi di salute mentale per tutte le fasce della popolazione.

Affrontare la crisi della salute mentale richiederà un impegno concertato da parte dei governi, delle istituzioni sanitarie, delle organizzazioni non governative e della società nel suo insieme.

Solo attraverso un approccio integrato e collaborativo possiamo sperare di invertire la tendenza e garantire a tutti la possibilità di vivere una vita sana e soddisfacente.

Emergenza salute mentale dei giovani: Società Italiana di Psichiatria (SIP)

Emi Bondi, presidente della Società Italiana di Psichiatria (SIP), ha sottolineato la complessità della situazione attuale e la necessità urgente di affrontare il crescente disagio mentale con risorse adeguate e un impegno concreto da parte delle autorità e della società nel suo insieme.

La “policrisi” citata dalla presidente Bondi, che comprende fattori come la pandemia, le tensioni sociali, l’inflazione e altre turbolenze, può agire come un detonatore per il disagio mentale, aumentando la pressione e lo stress sulla popolazione.

È cruciale comprendere e affrontare le molteplici cause che contribuiscono ai disturbi della psiche, fornendo supporto e risorse a coloro che ne hanno bisogno.

Tuttavia, come sottolinea la presidente Bondi, le risorse destinate ai Servizi di Salute Mentale pubblici in Italia sono in diminuzione e non sono all’altezza della sfida.

Il fatto che queste risorse rappresentino solo il 2,75% del Fondo Sanitario Nazionale è preoccupante, specialmente considerando che l’indicazione europea per i Paesi ad alto reddito è del 10%.

Un adeguato finanziamento e investimento nei Servizi di Salute Mentale pubblici è fondamentale per garantire che le persone possano accedere a cure di qualità e supporto quando ne hanno bisogno.

Ciò include non solo la fornitura di trattamenti efficaci, ma anche la promozione della prevenzione, la sensibilizzazione e la riduzione dello stigma associato ai disturbi mentali.

È essenziale che i governi e le istituzioni sanitari riconoscano l’importanza della salute mentale e agiscano di conseguenza, aumentando le risorse disponibili per i Servizi di Salute Mentale e promuovendo un approccio integrato e centrato sul paziente per affrontare questa sfida crescente.

Emergenza salute mentale dei giovani: carenza di psichiatri

Salute mentale adolescentiLa diminuzione dei Dipartimenti di Salute Mentale e la prevista carenza di psichiatri rappresentano una grave minaccia per il sistema sanitario italiano e per il benessere dei cittadini.

 

 

La riduzione dei Dipartimenti da 183 nel 2015 a 141 nel 2020 evidenzia una tendenza preoccupante che mette a rischio la capacità del sistema di fornire cure e supporto adeguati per i disturbi mentali.

Il ministro della Salute, Orazio Schillaci, ha sottolineato l’importanza di garantire la tenuta del sistema della salute mentale in Italia e ha assicurato il massimo impegno del suo dicastero in tal senso.

La creazione di un tavolo tecnico presso il ministero può rappresentare un passo importante per affrontare questa sfida e trovare soluzioni concrete per migliorare l’accesso ai servizi di salute mentale e affrontare la carenza di personale specializzato.

Il presidente della Federazione degli Ordini dei Medici (FNOMCeO), Filippo Anelli, ha sottolineato l’importanza di garantire la sicurezza sul lavoro per gli psichiatri, compresa la prevenzione delle aggressioni, e ha fatto appello a un sostegno economico adeguato al settore della salute mentale.

Oltre alle sfide legate alla carenza di risorse e di personale, è importante affrontare lo stigma sociale ancora associato alla malattia mentale.

Lo stigma può ostacolare la ricerca di aiuto e il trattamento adeguato alle persone affette da disturbi mentali, aggravando ulteriormente la loro situazione.

Sradicare lo stigma richiede un impegno continuo da parte della società nel suo insieme, attraverso la sensibilizzazione, l’educazione e la promozione di un dialogo aperto e compassionevole sulla salute mentale.

In sintesi, affrontare la crisi della salute mentale in Italia richiede un impegno collettivo e coordinato da parte dei decisori politici, degli operatori sanitari, delle organizzazioni della società civile e della comunità nel suo insieme.

Solo attraverso un approccio integrato e inclusivo possiamo sperare di migliorare la salute mentale della popolazione e garantire un futuro migliore per tutti.

Emergenza salute mentale dei giovani: coinvolgere personaggi famosi

Depressione outingL’appello della presidente della Società Italiana di Psichiatria (SIP) per coinvolgere personaggi famosi nell’outing dei propri problemi di salute mentale è estremamente importante e significativo.

 

La visibilità e l’influenza dei personaggi pubblici possono giocare un ruolo cruciale nel combattere lo stigma sociale associato ai disturbi mentali e nell’incoraggiare altre persone a parlare apertamente dei propri problemi e a cercare aiuto quando ne hanno bisogno.

Il coraggio dimostrato da persone famose nel parlare apertamente dei propri disturbi può ispirare e dare speranza a molti altri che lottano con problemi simili.

L’esempio di Fedez, che ha recentemente parlato dei suoi problemi psicologici e ha incoraggiato le donazioni di sangue, è un’illustrazione potente di come la visibilità pubblica possa essere utilizzata per promuovere la consapevolezza e l’empatia verso la salute mentale.

La sensibilizzazione sulla salute mentale è fondamentale per combattere lo stigma e promuovere un dialogo aperto e accogliente su questo argomento.

In definitiva, incoraggiare personaggi famosi a parlare apertamente dei propri problemi di salute mentale e sensibilizzare la società nel suo insieme sull’importanza della salute mentale sono passi cruciali verso la creazione di una comunità più inclusiva, empatica e consapevole delle sfide legate alla salute mentale.

Roberto Bitelli

Tempo di lettura: 3’30”

Fonte : https://www.ansa.it/canale_saluteebenessere/notizie/sanita/2023/10/09/emergenza-giovani-46mila-suicidi-lanno-nel-mondo_ee1d6620-c215-4af7-a87e-b14ed697849c.html

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.