Omaggio a John Le Carrè

0
31098

di Fabio Bandiera

John Le Carrè

Addio maestro sublime dello spionaggio e del thriller.

Ci hai raccontato con asciutta e sincera verità, senza iperboli e parafrasi, agendo da grillo parlante dei dietro le quinte degli equilibri di potere e delle oligarchie imperanti.

Un impegno radicale che, per ovvi motivi, non ti ha mai fruttato i riconoscimenti che avresti meritato.

Questo perché sei stato un personaggio scomodo e per tua natura non votato al compromesso.

Le tue fatiche letterarie e i relativi adattamenti cinematografici però, ti rendono giustizia.

Infatti sei stato consacrato nella cerchia dei grandi, di quelli che hanno osato dire e raccontare senza nessun velo di calcolata ipocrisia……..

John Le Carrè: POOLE, 19 OTTOBRE 1931…….

Nasci ottantanove anni fa nel Dorset, figlio di padre fantasma e truffatore fiscale.

Sin da ragazzo manifesti una spiccata propensione per lo studio delle lingue estere, scelta genetica decisiva nel tuo percorso formativo.

Nel 1948 decidi di iscriverti a Berna frequentando l’Università.

Una carriera accademica che verrà interrotta subito dopo quando i servizi di sicurezza di sua Maestà ti reclutano nella quinta sezione della Military Intelligence.

Giovanissimo ricopri già un ruolo operativo interrogando quelli che scavalcavano la cortina di ferro finiti nell’Austria di matrice alleata.

Doti rare per il giovane John Moore Cornwell.

Dotato di grande riserbo, serietà e un’estrema vena creativa che negli anni cinquanta diverranno le solide fondamenta del tuo incedere letterario………

John Le Carrè: ANNI SESSANTA, TRA INTELLIGENCE E GEORGE SMILEY……………

Gli anni sessanta ti vedono traghettato nella sesta sezione dell’Intelligence direttamente dipendente dal Foreign Office.

Spionaggio sul campo e in prima linea a caccia di spie russe di estrema sinistra infiltrate che fungeranno da volano per la tua creatura narrativa prediletta, George Smiley.

Sarà lui il tuo alter ego e protagonista ricorrente delle tue prime fatiche letteraria.

La prima datata 1961 dal titolo Chiamata per il morto, a cui seguirà l’anno successivo Un delitto di classe.

Esordi sintomatici e promettenti di una carriera parallela che inesorabilmente prenderà il largo.

Uno stile asciutto e rigoroso di chi ha vissuto in proprio le esperienze che con arguzia sofisticata e tipico humor British disegna su carta…………….

John Le Carrè: LA SPIA…….ADDIO COPERTURA………….

Siamo in piena Guerra Fredda, l’instabilità politico-diplomatica si rifletterà sugli equilibri globali, tra tradimenti e doppi giochi che saranno all’ordine del giorno.

Materiale succulento per il tuo terzo best-seller:

La spia che venne dal freddo,

Capolavoro assoluto del 1963 in cui un altro dei tuoi protagonisti virtuali, Alec Leamas è invischiato tra le due Berlino per far saltare la copertura dell’agente nemico.

Successo incredibile e relativa trasposizione cinematografica targata Martin Ritt, con un Richard Burton sublime nel rendere al meglio le sfumature autodistruttive del tuo agente segreto.

A volte la realtà supera la finzione:

Nel 1964 la tua carriera diplomatica subirà uno stop definitivo a causa del tradimento subito da parte di Kim Philby, passato al fianco dei sovietici e futura Talpa, che ritroveremo al fianco di Smiley in uno dei tuoi ennesimi e più complessi capolavori riscoperto in sala recentemente grazie alla sontuosa interpretazione di un mimetico Gary Oldman…….

John Le Carrè: SCRITTURA, SCRITTURA, SCRITTURA……………….

Siamo negli anni settanta inoltrati, la tua carriera diplomatica è ormai alle spalle.

Dedichi il tuo tempo alla produzione letteraria in bilico tra verità storiche e leggende incentrate principalmente su Guerra Fredda e Germania divisa.

Una decina di titoli che ripercorrono quegli anni con rinnovate e sofisticate trame e codici segreti.

Un dedalo narrativo articolato, tra il thriller tradizionale e i blocchi storici contrapposti, e qualche sporadico accenno autobiografico nel quale entri nella finzione in prima persona.

Anni di innegabili riconoscimenti culminati nel 1980 con l’ennesimo capolavoro:

Tutti gli uomini di Smiley,

Chiusura ideale della trilogia di Karla, storico avversario di Smiley che sarà richiamato dalla pensione per una resa dei conti definitiva.

Fino alla caduta del muro questo rimarrà il tuo range di riferimento.

Ma dagli anni novanta le tue incantevoli ossessioni lasceranno spazio ad una veduta più ampia e mirata ai macro equilibri geo-politici contemporanei.

Un Le Carrè maturo, forse meno ispirato e di sicuro più stanco del marciume del sistema che ha scardinato con le sue analisi fredde e impietose…………..

John Le Carrè: RITIRO DORATO E ULTIMI CAPOLAVORI…………….

Sei un maestro universalmente riconosciuto, decidi di trasferirti in Cornovaglia per dedicarti, nel tuo esilio dorato, a tempo pieno alla scrittura.

Tra i colpi di coda della tua maestria non mancheranno titoli che hanno  fatto la storia, puntualmente riprodotti su pellicola.

A cominciare da Il sarto di Panama,

Sottile ritratto storico cucito su misura da Harry Pendel, la cui sartoria omonima sarà il luogo ideale per losche trame e interessi trasversali tra corruzione, narcotraffico e ricatti spionistici.

The secret Gardener,

Forse l’ultima perla degna di rilievo, conferma l’evoluzione di uno scrittore che, archiviata del tutto la stagione fredda, rivolge la sua attenzione a tematiche moderne ed attuali in bilico tra la denuncia civile, l’intrigo internazionale e la fantapolitica.

Gli altri successivi sette capitoli della tua seconda vita nulla aggiungono e nulla tolgono alla grandezza e al tocco unico e inconfondibile di chi ha saputo, partendo dal proprio vissuto, descrivere e narrare le torbide vicende dell’animo umano in tutte le sue più sinistre e inafferrabili sfaccettature.

Grazie di tutto Lord John, creatore di mondi nei quali è semplicemente meraviglioso perdersi……………

Fabio Bandiera

Tempo di lettura: 2’00”

Foto tratta da: https://www.ansa.it/sito/notizie/topnews/2020/12/13/morto-john-le-carre-maestro-dei-romanzi-di-spionaggio_399553ff-7e0e-4a07-8940-02b1969a6ee2.html

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.