Passeggiata col cane al guinzaglio o tiro alla fune?

0
49303

Un giorno qualcuno ci scriverà un bel romanzo, di fatto è una semplice passeggiata col cane, ma per tanti “proprietari” è una sfida faticosa a tratti epica.

“Moby Dick” che porta a spasso Acab, “L’uomo e il mare” di Ernest Hemingway, o come la più calzante “Iditarod dog race” una famosissima gara di cani da slitta che si svolge in Alaska.

Da questa gara prendono spunto tutti i film sul tema cani e slitte!

E alla quale la Disney si è ispirata per BALTO… Ecco diciamo che ci sono tutti i presupposti per un bel romanzo…

Detto questo, a meno che, non vi stiate allenando per una gara di questo tipo o proprio per quella appena citata, è un bel casino!

È un bel casino perché siete nella fase che quando è il momento di portare a spasso Fido, tutti hanno da fare o non si fanno trovare, nascosti dentro gli armadi o dietro le tende.

E alla fine tocca sempre a te portarlo a spasso, rettifico tocca sempre a te farsi portare a spasso.

Il problema della trazione al guinzaglio nasce dalle prime volte che metti il guinzaglio, che sia cucciolo  o adulto è uguale, di fatto Fido continua a muoversi come se non avesse il guinzaglio, questo entra in tensione e subito dopo raggiunge l’angolo che voleva annusare, la persona e il cane dal quale voleva andare.

Cosi facendo Fido ha capito abbastanza chiaramente che il modo migliore per andare dove vuole è tenere il guinzaglio in tensione.

Anche davanti a questo problema tanti decidono di risolverlo senza risolverlo, si abituano alla trazione e amen o i più tenaci dopo aver provato tutte le torture possibili, compreso il karate, si organizzano per contrastare, mettono i guanti alle mani delle belle scarpe aderenti e via ogni passeggiata vale una settimana di palestra!

A parte gli scherzi, la trazione al guinzaglio è un problema molto diffuso e articolato, che non si può risolvere con qualche consiglio, ma siccome confido in voi ci proveremo, quanto meno a migliorarlo.

Abbiamo capito che Fido ha fatto una cattiva associazione al guinzaglio, molto semplicemente dobbiamo cominciare a fargli vivere esperienze opposte alla sua convinzione, cioè:

Non andare mai nella direzione della sua trazione.

In sostanza quando tira, ci fermiamo e torniamo indietro, meglio simulare il tutto quando abbiamo tempo e voglia, come fare:

Metti a terra una ciotola con del cibo, una pallina, o qualcosa che gli interessi, che lo attragga.

Poniti a una distanza di dieci metri circa, comincia a camminare verso la ciotola solo quando lui è calmo accanto a te, torna al punto di partenza appena il guinzaglio entra in trazione.

Sii pronto a ripetere la sequenza milioni di volte fin quando raggiungerà la ciotola senza tirare e comprenderà che la trazione non è una più una strategia vincente, invece lo è camminare accanto…

Non ti preoccupare non ci vorranno milioni di ripetizioni, o forse si, tienimi aggiornato…

Ricorda! PENSA CON LA CODA!

Fabio Carta

Tempo di lettura: 1’20”

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.