Conoscere i Conflitti Relazionali

35793

di Andrea Maggio

Siamo animali sociali, diceva saggiamente Aristotele, e quindi abbiamo bisogno di relazioni. Tuttavia, le relazioni più sono intense e più sono soggette a crisi e difficoltà.

Più è alta la posta in gioco, determinata dall’intensità dell’affetto messo in campo, più saranno elevate le probabilità di vivere la conflittualità.

Conoscere l’origine dei conflitti relazionali può essere già un modo per affrontarli al meglio e, perché no, provare a superarli.

L’origine del conflitto relazionale

Quando ci innamoriamo di qualcuno entriamo nell’idillio della favola. La persona incontrata ci sembra proprio la nostra anima gemella.

Ci completa, riempie quei vuoti che sentiamo dentro di noi, riusciamo a scorgerne le potenzialità e l’unicità, ecc.

Presto però la favola finisce e la realtà ci mostra il partner per quello che effettivamente è, limiti e difetti compresi.

Dobbiamo allora fare i conti con la scoperta della diversità dell’altro. Una diversità che lo rende differente da quanto ci aspettavamo.

Si crea, quindi, un primo conflitto interiore: o nego me stesso, i miei desideri, il mio modo di essere, per mantenere la relazione, oppure nego il mio partner (con i suoi limiti e le sue vulnerabilità) col rischio di perdere la relazione.

Scoprire la diversità dell’altro ci mette in crisi e questa crisi facilita il conflitto relazionale e l’ostilità che il più delle volte l’accompagna.

Cosa determina l’ostilità nella coppia?

Il conflitto non è di per sé il problema nelle crisi di coppia. Esso è la normale conseguenza del fatto che gli interessi espressi dai partner sono diversi e spesso divergenti.

E’ la reazione negativa che i partner mettono in gioco a complicare la gestione del conflitto.

I modelli di counseling sistemico-relazionale identificano specifiche aree in cui si forma il conflitto.

Si parte dall’area della comunicazione che riguarda tutti gli aspetti che coinvolgono i processi comunicativi che per qualche motivo non sembrano funzionare nella specifica coppia.

Messaggi impliciti o poco chiari, aspettative non dichiarate, meta-messaggi inconsapevoli, triangolazioni, ecc. sono solo alcune possibilità di una comunicazione poco efficace che allontana i partner dal dirsi veramente quello che pensano o di cui hanno bisogno.

L’attribuzione di responsabilità è un’altra area su cui ci si scontra per il semplice fatto che la manifestazione del conflitto spinge l’individuo a porsi in posizione difensiva e ad attribuire la responsabilità dello stesso al partner.

Anche l’area delle regole talvolta è causa di scontro. Le diversità culturali, sociali, educative, ecc. determinano un diverso set di regole tra i partner che hanno difficoltà ad accettarle o a condividerle.

Simile alle regole è l’area dei valori.

Come le prime, infatti, i partners possono avere diversi sistemi valoriali che li pone in posizione competitiva e non cooperativa facendoli entrare in conflitto ogni volta che uno di loro agisce in accordo col proprio insieme di valori.

L’ambito più delicato e difficile da gestire è determinato dai confini dell’io.

Ogni partner, nel processo di formazione e di sviluppo della coppia, è combattuto tra il desiderio di differenziazione ed autonomia (ricerca della libertà, del proprio spazio, ecc.) e quello di appartenenza ed intimità (ricerca dell’altro e di connessione).

Sono due spinte contrapposte e necessarie per il benessere dell’individuo e della coppia ma che se non gestiti correttamente generano una conflittualità continua.

Esplorare il conflitto per superare l’ostilità

Solo se ci prende il tempo e lo spazio di indagare le cause della conflittualità nella coppia, magari con l’aiuto di un professionista, è possibile ridurre l’ostilità che accompagna il conflitto e che il più delle volte allontana i partner.

La disconnessione emotiva che la conflittualità mal gestita determina conduce frequentemente alla rottura delle relazioni proprio perché si è esaurito il legame emotivo che teneva in piedi la relazione.

Ecco allora che il conflitto col suo grande potere informativo e formativo diventa mezzo di crescita personale.

Se ci si prende il lusso di approfondire le cause di una conflittualità esasperata, entrambi i partner possono uscirne maggiormente consapevoli di se stessi e dell’altro e nel caso peggiore evitare di commettere gli stessi errori in altre relazioni.

Andrea Maggio

Tempo di lettura: 1’ 50”

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.