Il punto nave

Come noto su una superfice bidimensionale occorrono due coordinate per determinare un punto.

Latitudine

La superfice terrestre viene suddivisa da una parte da linee (circoli di circonferenza) detti paralleli che partono dall’equatore sino a rispettivamente il polo Nord e polo Sud, pertanto una delle coordinate, latitudine, è indicata dall’angolo (arco di cerchio) tra il punto e l’equatore, angolo che quindi può assumere valori da 0 a 90° ( Nord o Sud).

Longitudine

L’altra coordinata, longitudine, viene determinata dai semi-circoli, meridiani, che congiungono polo Nord e Sud, anche in questo caso si misura con un angolo tra il punto e meridiano di riferimento, avendo come riferimento il meridiano di Greenwich, pertanto la longitudine varia da 0 a 180° (Est o Ovest).

Il meridiano di riferimento è puramente convenzionale e la scelta è stata determinata dalla potenza navale inglese nel secolo scorso.

Ad esempio le coordinate geografiche di Roma sono 41° 53’ 30” Nord e 12° 30’ 40” Est.

Al giorno d’oggi grazie al GPS, su tutti i telefoni ormai, è molto facile determinare le proprie coordinate geografiche, in passato la cosa non era così semplice.

Sestante

Di fatto la latitudine è più semplice da rilevare basandosi sulla altezza del sole o stella polare (nell’emisfero Nord) sull’orizzonte utilizzando un sestante.

La determinazione della longitudine è un problema più complesso ed è stato al centro di ricerche e dibattiti.

Infatti i metodi un tempo utilizzati erano due:

  • uno piuttosto complicato basato su osservazioni astronomiche, l’altro basato su un orologio (differenza tra ora locale e quella di partenza).
  • Il secondo metodo pur più semplice in teoria era complicato dal fatto che necessitava orologi molto precisi, in grado di mantenere la misura del tempo anche nelle difficili condizioni di un viaggio per nave.

A trovare la soluzione fu un orologiaio inglese e la sua appassionante storia è descritta dal libro Longitudine di Dava Sobel.

Per individuare il punto nave però non si può dare per scontato il GPS, pertanto si può ricavare utilizzando una carta nautica e attraverso la tecnica dei rilevamenti grazie alla individuazione di punti noti (punti cospicui), cioè ad esempio fari, torri, ecc..

Pierframcesco Pierangelini

Tempo di lettura: 1’10’’

 

Tag: punto nave, paralleli, latitudine, meridiani, longitudine, sestante.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.