Identikit dei nuovi papà

90972

I nuovi papà sono cambiati, e decisamente in meglio. Secondo gli esperti, l’importante è che non confondano i ruoli e che riescano ad essere autorevoli.

Gli ultimi film ritraggono i nuovi papà come confusi, smarriti, più preoccupati di essere amici dei figli che di educarli davvero. Ma è tutto vero? Come sono cambiati i nuovi papà rispetto al passato?

Negli ultimi anni abbiamo assistito senza dubbio a una rivoluzione della figura paterna.

Questa rivoluzione è stato conseguenza del cambiamento della figura femminile. Non più relegata ai ruoli di madre e moglie, ma donna in carriera e attiva socialmente.  Ciò ha reso necessario una ridefinizione dei ruoli in famiglia. Molte mamme stanno tutto il giorno fuori casa e quindi non possono essere le uniche ad occuparsi dei figli. Così, in modo naturale, gli uomini sono stati sempre più coinvolti.

Come sono cambiati rispetto al passato i nuovi papà?

Un tempo il ruolo del padre si esauriva nel lavorare, in poche parole e in sguardi eloquenti. I padri iniziavano ad occuparsi dei figli solo quando erano più grandi, per accompagnarli alle attività pomeridiane, come alla partita di calcio o di pallavolo.

Oggi i nuovi papà sono attivi fin dalla gravidanza.

Vanno insieme alla mamma ai controlli, vogliono assistere al parto, cambiano i pannolini e danno il biberon.

Secondo gli ultimi dati, negli ultimi decenni i papà hanno quasi triplicato il tempo speso con i bambini. Segno inequivocabile di  un cambiamento. Sono aperti al dialogo e attenti alle emozioni dei figli. Sono presenti, giocherelloni. Sono papà capaci di fare le coccole. Cosa che, probabilmente, i loro padri non facevano con loro.

I nuovi papà sono anche smart: usano il web per trovare le dritte necessarie a scaldare il biberon. Si confidano su Facebook con altri padri.

Per i nuovi papà, però, c’è anche il rovescio della medaglia: sono spesso meno autorevoli rispetto a quelli di un tempo.

Per essere un reale punto di riferimento, tuttavia, l’autorevolezza è indispensabile. Ciò significa dare poche regole, ma ferree e non avere paura di dire di “no” quando serve. Il rischio è, viceversa, che i figli vadano allo sbando e siano in preda all’insicurezza.

Cosa consigliano gli esperti ai nuovi papà?

I papà di oggi non devono sicuramente ritornare ad essere padri-padroni, che si impongono con le maniere forti. Ma non devono farsi tiranneggiare dai bambini, e devono riuscire a mantenere una linea educativa, senza cedere al primo capriccio.

Importante è mantenere i ruoli: il papà non deve trasformarsi in “mammo”, ossia un sostituto della mamma, ma un suo pari.  Perché ciò avvenga, è fondamentale che l’uomo vinca le sue insicurezze e che la donna lo lasci libero di sperimentare, riconosca le se capacità e l’autonomia senza essere gelosa e intollerante.

È importante, quindi, che le mamme sappiano fare un passo indietro, facendo partecipare di più i papà al percorso di crescita dei figli.

Fondamentale è che le mamme non critichino continuamente il padri. I ragazzi devono avere l’idea di una figura di padre credibile.

È, inoltre, importante sapere gestire il conflitto tra mamma e papà.

Necessario è saper raggiungere un compromesso, discutendo sempre lontano dai bambini.  Quando i bambini sono più grandi, si può spiegare loro che mamma e papà la pensano in modo diverso. In questo modo, si consente loro di capire che è normale avere un’opinione differente dagli altri, ma che ciò traduce per forza in un litigio. Inoltre, si insegna loro, con l’esempio diretto, la capacità di negoziazione.

Redazione Men’s Life

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.