Il prurito del fantino: Tinea cruris

100455

L’inguine, così come i piedi, è colpito da micosi. Se colpisce la zona intima si parla di “prurito del fantino” (Tinea cruris), perché a soffrirne soprattutto gli uomini.

Il problema è che il desiderio di grattarsi può diventare così intenso che resistere diventa difficile… Ma le cure non mancano. A cominciare dalla più importante: l’igiene personale!

Questa infezione micotica può colpire la parte interna della coscia e lo scroto negli uomini. Ma può riguardare anche piedi e mani, ascelle e piedi. È causata dalla Tinea cruris che, come altri funghi, si trova a suo agio nell’umidita. Funghi come l’Epidermophyton floccosum, il Tricophiton rubrum, il Tricophyton mentagrophytes, che si cibano della cheratina delle cellule morte del derma e di peli.

Perché noi uomini siamo i più colpiti?

Semplice! Gli uomini sudano di più (hanno un maggior numero di ghiandole sebacee nella zona inguinale), hanno anche più peli. In ultimo va riconosciuto alle donna una maggiore attenzione all’igiene personale. Aspetto che, dobbiamo ammetterlo, noi uomini alle volte tralasciamo…

Come si manifesta la Tinea cruris?
Il primo sintomo è la comparsa di piccole macchie rosse tondeggianti che danno prurito. Con l’aggravarsi dell’infezione, le chiazze si allargano e si congiungono fino a formare una chiazza unica. Nella fase acuta è di colore rosso vivo, con il cronicizzarsi, si scurisce, diventando più bruna, mentre la parte centrale dell’infezione risulta un po’ giallognola.

«Se si trascura il problema si possono formare vescicole o pustole con escoriazione della pelle. Sono situazioni estreme, dovute a forme particolarmente aggressive dell’infezione. In questi casi al prurito si associa bruciore. In casi severi si può verificare sanguinamento, ma è difficile che una persona arrivi a tanto prima di farsi vedere dal medico».*)

*) Giovanni Biondo, dermatologo dell’Istituto Dermoclinico Vita Cutis (https://dermoclinico.com/) presso Palazzo della Salute – Wellness Clinic a Milano

Come curare la Tinea cruris?
Ecco la procedura per eliminare la micosi cutanea. Si sottolinea l’importanza della costanza e l’accortezza all’igiene personale.
  • Usare solo biancheria di cotone, preferibilmente bianca, in modo tale da poter fare lavaggi ad alte temperature
  • Usare detergenti antimicotici o germicidi
  • Dopo ogni doccia asciugarsi bene, anche tra le gambe e nella zona inguinale
  • Avere l’accortezza di non condividere il proprio asciugamani con altri (partner) ed usarlo sempre anche in luoghi comuni (sauna, palestra, piscina)

Fonte: Ok Salute
https://www.ok-salute.it/benessere/prurito-del-fantino-quali-sono-i-sintomi-e-le-cure/

Redazione Men’s Life

Tempo di lettura: 1’00”

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.