Prevenire l’infertilità maschile

0
12810
Fare una periodica visita andrologica, seguire uno stile di vita sano e stressarsi meno: ecco le tre armi per prevenire l’infertilità maschile.

Secondo i dati del Ministero della Salute, una coppia su cinque ha difficoltà a procreare per vie naturali (il doppio rispetto a 20 anni fa) e il 40% dei casi di infertilità ha una causa maschile. La buona notizia è che possiamo fare molto per prevenire l’infertilità maschile.

Fondamentale è occuparsi della prevenzione sin da giovani.

Gli uomini non parlano volentieri dei disturbi della sfera sessuale e sono poco propensi ad andare dall’andrologo. Eppure la prevenzione andrebbe fatta già da giovanissimi. Già a partire dai 18-20 anni andrebbe fatta una visita andrologica, un’ecografia dell’apparato sessuale e uno spermiogramma (controllo del liquido seminale). Inoltre, ogni uomo dai 18 anni in su dovrebbe sviluppare la capacità di esaminare i propri testicoli per individuare punti dolorosi o rigonfiamenti.

Per prevenire l’infertilità maschile, è importate, inoltre, seguire uno stile di vita sano.

Quindi:

  • evita l’abuso di alcol: alla larga non solo dai superalcolici ma anche dalla birra, che infiamma le vie urinarie».
  • non fumare: è scientificamente provato che la nicotina, contenuta nel fumo di sigaretta, alteri la motilità e il numero di spermatozoi prodotti.
  • fai attività fisica e segui un’alimentazione mediterranea per mantenere il peso forma. I chili di troppo possono essere causa di infertilità. Particolarmente pericoloso è il peso eccessivo sull’addome che, comprimendo l’apparato riproduttivo, provoca un surriscaldamento, impendendone uno sviluppo regolare.
Per prevenire l’infertilità maschile, occorre controllare lo stress.

Lo stress è uno dei “nemici nascosti” della fertilità maschile e femminile. Il cortisolo, l’ormone dello stress, e l’adrenalina riducono il flusso di sangue a tutte le strutture non indispensabili alla sopravvivenza, riservandolo a muscoli, cuore e cervello. Ciò comporta una diminuzione dell’afflusso sanguigno ai testicoli e a tutto l’apparato genitale maschile.

Occorre ricordare, infine, che anche negli uomini la fertilità diminuisce con l’avanzare dell’età.

Non tutti sanno che con l’età anche gli uomini diventano meno fertili. Una ricerca della Harvard Medical School condotta su 8 mila coppie che hanno fatto ricorso alla fecondazione artificiale dimostra che i padri più anziani hanno meno probabilità di concepire. Per esempio, le donne fra i 20 e i 29 anni che provano ad avere un figlio con un uomo tra i 40 e i 45 anni hanno il 37% di probabilità in meno di gravidanza rispetto a quelle che hanno un partner più giovane. Ciò avviene perché, la “fabbrica” degli spermatozoi, i tubuli seminiferi che si trovano all’interno di ciascun testicolo, col passare degli anni tende a funzionare meno.

Fonte: Corriere.it

Per un approfondimento: Fondazione Serono

Meta Description: Periodiche visite andrologiche, stile di vita sano e meno stress: ecco le tre armi per prevenire l’infertilità maschile.

Parola Chiave: prevenire l’infertilità maschile

 

Tag: prevenire l’infertilità maschile, combattere l’infertilità, fertilità maschile età, visita andrologica, spermiogramma, peso infertilità maschile, alimentazione infertilità maschile, stile di vita infertilità maschile, fumo infertilità maschile, alcol infertilità maschile.

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.