I maschietti hanno cura dell’igiene intima?

80522

di Marco Bitelli

Inutile negarcelo…l’uomo è meno attento rispetto alla donna all’igiene intima.

La donna anche culturalmente sin dall’età adolescenziale con l’inizio dei cicli mestruali pone più premura alla cura dei genitali scegliendo prodotti specifici.

Di contro l’uomo di solito utilizza ciò che ha a disposizione al momento e spesso sono proprio i prodotti che la propria partner utilizza quotidianamente oppure i normali saponi in commercio.

Questa abitudine pur se apparentemente innocua può portare invece a lungo a patologie a carico dell’apparato genitale maschile..

Difatti il pH dell’apparato genitale maschile è diverso da quello femminile, la sua igiene intima va perciò trattata con prodotti specifici.

I normali detergenti femminili a pH acido (4.5 o meno) possono provocare nell’uomo l’insorgenza di bruciore e prurito, l’arrossamento del pene o gonfiore a livello del prepuzio e del glande.

Allo stesso modo  i comuni saponi e bagnoschiuma si caratterizzano invece per un pH alcalino che, erodendo le sostanze oleose che lubrificano le mucose, crea l’humus ideale per una “sofferenza cutanea” : dalle dermatiti (che hanno un incremento parallelo a quello delle allergie respiratorie!) alle Infezioni sessualmente trasmesse.

La perfetta igiene delle parti intime è di fondamentale importanza per la prevenzione e cura delle patologie a carico del sistema uro-genitale del maschio.

Il ristagno di secrezioni oleose tra glande e prepuzio infatti può favorire la crescita di microrganismi patogeni come germi e funghi e determinare, nel contempo, l’insorgere di odori sgradevoli.

Le infezioni dell’apparato genitale maschile, se trascurate, possono indurre una diminuzione della fertilità alterando la composizione del liquido seminale.

Attualmente possiamo trovare in commercio prodotti specifici per l’igiene intima maschile caratterizzati principalmente da un Ph neutro e associando componenti come:

  • l’aloe vera (effetto lenitivo),
  • l’argento colloidale (antivirale naturale),
  • la clorexidina (disinfettante ad ampio raggio) e
  • vari elementi rinfrescanti come la menta piperita.

Un uso quotidiano del giusto detergente è di fondamentale importanza sia in termini terapeutici nel caso di balaniti, balano postiti (soprattutto in pazienti diabetici) , arrossamenti locali,  irritazioni croniche in pazienti incontinenti, detersione locale post chirurgia ma soprattutto a scopo preventivo anche nell’ambito delle malattie sessualmente trasmesse.

Marco Bitelli

Tempo di lettura: 1’00

Foto tratta da: https://www.nonsolodonne.net/igiene-intima-maschile/

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.